Campania in zona bianca, abolito il coprifuoco e dubbio mascherine. Tutte le novità

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

La Campania oggi è entrata in zona bianca, insieme a Basilicata, Calabria, Marche, Toscana, Sicilia e Provincia autonoma di Bolzano. Resta in zona gialla solo la Val d’Aosta.

Da oggi, 21 giugno, entrano in vigore alcune novità: la prima restrizione ad essere abolita è il coprifuoco. Non bisognerà più guardare di continuo l’orologio la sera, per rientrare a casa in tempo, dopo mesi di coprifuoco. All’aperto i ristoranti potranno ospitare tavolate senza limitazioni e c’è in dubbio l’utilizzo delle mascherine all’aperto.

Il Governatore della Campania Vincenzo De Luca, infatti, ha affermato che le mascherine all’aperto sono indispensabili e resteranno obbligatorie per tutta l’estate, ma il sindaco de Magistris ha sollecitato il Governo ad intervenire per abolirle.

Per quanto riguarda i ristoranti al chiuso, resta l’obbligo che allo stesso tavolo ci sia il numero massimo di sei persone, a meno che non siano tutti conviventi.

Riaprono parchi tematici e di divertimento, piscine coperte, centri benessere e termali. Riaprono sale giochi e scommesse, sale bingo e casinò, centri culturali, centri ricreativi, riprendono i corsi di formazione, fiere, congressi e convegni, eventi sportivi aperti al pubblico all’aperto.

Possibili le feste private, anche conseguenti le cerimonie civili o religiose, sia all’aperto e al chiuso, ma con la prescrizione che i partecipanti siano muniti di una delle certificazioni verdi Covid-19.
Per quanto riguarda sale da ballo e le discoteche, la riapertura c’è, ma la musica si potrà ascoltare e non ballare.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Il noto giornalista ha commentato la roboante vittoria degli azzurri sulla Lazio

Calcio, Sport

Le parole del tecnico del Sassuolo, Alessio Dionisi, alla vigilia della partita contro il Napoli

Calcio, Sport

Il Napoli è chiamato dall’impegno di Reggio Emilia contro il Sassuolo