Camera dei Deputati, il Pres. Fico: “Vergogna cori razzisti negli stadi”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Roberto Fico, Presidente della Camera dei Deputati, ai nostri microfoni:

“E’ una buna notizia la riapertura degli stadi al 75% della capienza, stiamo andando avanti cercando di riaprire tutto il possibile. Mi auguro che gli impianti sportivi all’aperto possano raggiungere in breve tempo il 100% della capienza, ovviamente con greenpass e precauzioni, senza dimenticare gli altri sport come la pallavolo o il basket: anche nei palazzetti al chiuso bisogna aumentare la capienza perchè le società ne hanno bisogno. A proposito, sono stato al PalaBarbuto per assistere alla gara di basket tra Napoli e Milano: sono appassionato, amo la pallacanestro, mi auguro che gli azzurri possano conquistare la permanenza in A1. La scacchiera negli stadi? A Napoli è rispettata, negli altri stadi meno. E non va bene. Va rispettata ovunque. Invito i cittadini italiani a vaccinarsi per uscire presto dall’emergenza. I cori discriminatori verso i napoletani? Sono una vergogna! Qualsiasi coro discrimnatorio o razzista va condannato. Bisogna rafforzare il quadro normativo per cercare di avere delle pene più dure, punire questi comportamenti che sono fuori dal mondo. Il Napoli? Spalletti mi piace moltissimo, sta allenando la squadra in maniera strepitosa. Ha dato identità forte, la squadra lotta fino all’ultimo. I reparti sono collegati, il gruppo è unito, ha spirito di sacrificio e voglia di divertirsi. Lo Scudetto? Un passo alla volta… Dobbiamo vivere nel presente, divertiamoci di ciò che abbiamo, non guardiamo troppo al futuro. Insigne? Speri con il cuore che possa rinnovare e restare a Napoli a vita, che possa chiudere la sua carriera con i colori azzurri. E’ cresciuto tantissimo anche dal punto di vista mentale. Koulibaly, Anguissa ed Osimhen? Sono la nostra Africa, che meraviglia!”

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare