Bertotto a KKN: “Spalletti è un grande allenatore, con lui il Napoli è in buone mani. Sul calcio italiano…”

Valerio Bertotto, ex calciatore, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli durante la trasmissione "Cross".

Valerio Bertotto, ex calciatore dell’Udinese e allenatore, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli durante la trasmissione “Cross” condotta da Vincenzo Perna:

SERIE A – “Finalmente riusciamo a vedere un campionato competitivo sia nelle zone alte che in quelle basse. E’ un piacere vedere le qualità delle squadre di alta classifica, il livello è molto alto”.

SPALLETTI – “Spalletti è un allenatore molto capace, un uomo di calcio e un grande allenatore che ha esperienze in tutte le categorie. Ho avuto il piacere di lavorare con lui, per tre anni e mezzo, all’Udinese. Abbiamo centrato insieme la qualificazione in Champions League. Il modulo era differente rispetto a quello che usa nel Napoli, ma i concetti sono quelli: attacco legato alla profondità e squadra che sapeva palleggiare. Avevamo Pizzarro che era simile a Lobotka, Di Natale sulla stessa lunghezza d’onda di Insigne, giocatori simili rispetto a quelli azzurri di oggi”.

IL CALCIO ITALIANO – “In Italia facciamo fatica a creare i presupposti per far crescere i giovani. Mancano le strutture, mancano i mezzi per poter realizzare dei progetti con i giovani talenti, eppure ne abbiamo tanti. In Italia abbiamo una scuola di tattica molto importante riconosciuta in tutto il mondo”.

GIANLUCA GAETANO – “Sta facendo bene, è un ragazzo che sta crescendo, la settimana scorsa ha fatto un grande gol. Lottare per vincere ti alza l’asticella, ti fa crescere sempre di più: il Napoli sarà molto contento di lui”.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Il presidente della Salernitana Iervolino ha detto la sua a proposito delle notizie di mercato che avvicinano Cavani alla Salernitana

Calcio, Sport

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha parlato ai margini della celebrazione dei 130 anni de Il Mattino della situazione del calcio attuale ed anche del suo club