Albarella: “Osimhen volitivo. Di Lorenzo atleta nella testa. Complimenti allo scouting per Lobotka”

Le dichiarazioni del preparatore atletico Eugenio Albarella, intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, a Radio Goal.

Ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, nell’appuntamento odierno di Radio Goal, è intervenuto il preparatore atletico Eugenio Albarella.
Queste le sue dichiarazioni.

OSIMHEN – “Rientrando da un lungo infortunio, mi sembra che si tratta di un volitivo e ha fatto quello che, sinceramente, mi aspettavo. Sicuramente, l’allenatore lo saprà gestire nella prossima partita per poi approfittare della pausa per potergli dare di nuovo dei ritmi più consoni a quello che è la ripresa da un trauma pesante come quello che ha subito“.

AMBIENTAMENTO POST COPPA D’AFRICA – “Io sento spesso queste preoccupazioni. Addirittura, qui a Napoli, siamo partiti già da settembre a parlare dei tre giocatori che sarebbero partiti e delle difficoltà del Napoli nel gestirne la mancanza dimenticando la qualità della rosa che, oggi, riesce a compensarne l’assenza. La brillantezza di questi giocatori non dipenderà tanto dall’aspetto climatico-ambientale quanto dai risultati conseguiti con le rispettive nazionali. L’aspetto emotivo è importante e, a certi livelli, fa la differenza. Se i rientranti saranno soddisfatti dei risultati conseguiti secondo i loro obiettivi, torneranno brillantemente a disposizione del Napoli“.

DI LORENZO – “In questo caso, non conoscendolo personalmente, oltre ad essere un giocatore straordinario, immagino che sia, soprattutto, una persona perbene e un atleta nella testa, A certi livelli, fa la differenza quello che io definisco ‘allenamento invisibile‘, cioè la capacità di sapersi gestire fuori dal campo, nei rapporti familiari, nell’aspetto nutrizionale e nella qualità della vita extra campo. Evidentemente, ha trovato i giusti equilibri e riesce ad esprimersi al massimo perché pensa, solo ed esclusivamente, al suo lavoro“.

LOBOTKA E JUAN JESUS – “Sicuramente, hanno delle qualità nel loro DNA e la maestria di chi si occupa di loro è riuscita ad esaltare al massimo le loro potenzialità. Non era facile perché Lobotka, soprattutto, ha pagato l’ambientamento in una città particolare come Napoli. Essendo un nordico, non era abituato a certi ritmi ed abitudini alimentari e ne ha pagato le conseguenze. Mi sembra un nuovo giocatore e devo fare i complimenti allo scouting che ha visto lungo per questo giocatore“.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

Luka Lochoshvili, difensore georgiano della Cremonese, ha parlato di Kvaratskhelia in un’intervista alla vigilia della gara col Napoli

Calcio, Sport

Giovanni Simeone, attaccante del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni in un’intervista rilasciata a “La Nacion”.