A. De Laurentiis: “Rinnovo Gattuso, accordo raggiunto da da oltre un mese”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Aurelio De Laurentiis, presidente della SSC Napoli, a Radio Kiss Kiss Napoli: “E’ stata una sensazione straordinaria passeggiare qui sotto la fermata dell’EAV, ripercorrendo dal 1926 ai giorni d’oggi, la storia di questo Napoli glorioso reso ancora più glorioso da questa stella che purtroppo è caduta, che non c’è più, che è Maradona. Maradona campeggia con la corona in testa, come un Re, tra i vari murales ed è un grazie che io devo dare a chi ha portato a termine il murales in maniera egregia. Manca purtroppo Ferlaino, ma verrà inserito affianco a Maradona. Inseriranno anche Osimhen, che sarà l’astro dei prossimi 6 anni. Puntiamo molto su di lui. Il rinnovo di Gattuso? Con Rino ci siamo messi d’accordo già un mese e mezzo fa. Il tempo di scrivere i contratti, di passarli ai legali che lo rappresentano in Portogallo. E’ tutto pianificato. Ci siamo stretti la mano, si trattava solo di mettere nero su bianco le negoziazioni avvenute tra me e lui e accettate da entrambi. Ricorso al CONI? Abbiamo presentato ieri il ricorso. Adesso aspettiamo con grande serenità il giudizio di terzo grado. Infortunio di Osimhen avvenuto in Nazionale? Quando uno offende le tifoserie di tutto il mondo, che trepidano per chi li rappresenta durante la settimana, che diventa una panacea a tutto lo schifo che devono sopportare. Li si offende mandando in giro per il mondo i giocatori per delle amichevoli che non servono a niente. O chi sta alla Fifa o alla Uefa non è all’altezza di capire da un punto di vista imprenditoriale l’organizzazione di quelle che sono le tenzoni sportive con tutte le considerazioni che ne derivano e di cui bisogna tenere conto, io non so se queste persone sono all’altezza o si sono mai interrogati, o quando la sera prima di andare a dormire non si interroghino in maniera reale se hanno fatto una cavolata. Perché non dobbiamo mai cambiare le cose? Perchè questo calcio non si deve contemporaneizzare? Con il coronavirus cambia tutta la nostra vita, anche in futuro la nostra vita ne risentirà e quindi bisogna rivedere anche le regole che riguardano il calcio in Europa e nel mondo. Stadio dedicato a Maradona? Lo stadio deve essere dedicato a Maradona, tant’è che io anche negli anni passati avevo sempre pensato pensato che se fosse stato costruito un nuovo stadio, si sarebbe dovuto dedicare a Maradona. Oggi che lui è venuto a mancare, tanto più Luigi De Magistris ha avuto il sentimento corretto di dedicarglielo. Ora se si chiamerà Maradona Arena o Maradona Stadium, oggi pomeriggio lo vedrò alle 15, parleremo di questo e parleremo anche di un grandissimo museo virtuale che voglio creare all’interno dello stadio,  dai 5mila ai 10mila metri quadri per poter far vivere a tutti quanti le partite del passato e quelle appena giocate nel weekend precedente alla visita di qualcuno, quindi visitare lo stadio ma visitare anche un luogo dove ci si possa divertire indossando un casco, a giocare ancora con Maradona, o accanto a lui o accanto ai beniamini della propria annata”.

ti potrebbe interessare

le più lette

Calcio, Sport

In vendita i biglietti per il prossimo match casalingo del Napoli

Calcio, Sport

Allo stadio Maradona si affrontano la squadra che ha ottenuto più punti in casa (Napoli) contro quella che ne ha ottenuti di più in trasferta (Atalanta)

Calcio, Sport

La prima pagina del quotidiano Il Corriere dello Sport di oggi, 4 dicembre 2021

Calcio, Sport

La prima pagina del quotidiano Il Mattino di oggi, 4 dicembre 2021