Seguici su

ALGERINO PROTESTA CONTRO AUTO CHE NON SI FERMA ALLE STRISCE: ACCOLTELLATO

coltello 750x500

Un uomo di 53 anni è stato aggredito e accoltellato per aver protestato contro un'auto che non si era fermata alle strisce pedonali.
È successo a Napoli, in via Galileo Ferraris, angolo Corso Lucci, quando la vittima di origini algerine era in procinto di attraversare la strada sulle strisce pedonali. Un'auto con a bordo tre ragazzi aveva tardato a fermarsi provocando il 53enne che ha evidentemente protestato.

Il conducente del veicolo, Bruno Emanuele Borrelli, in segno di minaccia e per rispondere alle proteste del pedone, aveva fatto stridere i pneumatici dell'auto. L'algerino ha, quindi, sferrato un pugno contro la Fiat panda ed è stato allora che i tre sono scesi dall'auto, lo hanno circondato e accoltellato.
Gli aggressori sono poi scappati a bordo dell'auto.

L'autovettura dopo poco è stata intercettata dai poliziotti dell'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, in via Reggia di Portici altezza via Marina dei Gigli mentre transitava ad alta velocità in direzione di Corso San Giovanni a Teduccio: aveva il vetro posteriore lato passeggero infranto ed evidentissime strisce di sangue sullo sportello posteriore. I tre hanno provato anche a scappare e a disfarsi del coltello, anche quello macchiato di sangue, ma invano.

Bruno Emanuele Borrelli, 24enne napoletano, Ciro Paolillo, napoletano 18enne e M.E. 17enne napoletano, sono stati arrestati per il reato di tentato omicidio aggravato in concorso.
La vittima ha riconosciuto nel minorenne colui che ha sferrato i colpi.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.