Seguici su
  • SAL DE RISO
  • TEDIM
  • Intralot
  • Tufano
  • Rispo Surgelati
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Risotto al parmigiano e malva

Risotto al parmigiano e malva

Spesa per 4 persone:

  • Gr 600 di riso Carnaroli
  • Gr 250 di parmigiano
  • Cl 4 di olio extravergine
  • Lt 1,5 di brodo di carne (vedi pag...)
  • Fiori di malva

Adesso metti in pratica:
Riscalda i chicchi di riso possibilmente in una pentola di acciaio col triplice fondo, bagna col brodo bollente versandone un mestolo dopo l'altro e continuando l'operazione man mano che viene assorbito per circa 12 minuti. (Il tempo di cottura del riso varia a secondo della qualità).
Trascorso pressappoco questo tempo, comincia a prepararti per la mantecatura che deve avvenire lontano dal fuoco.
Metti il parmigiano (se lo setacci è meglio) e l'olio a filo, fai cadere i fiori di malva.
Manteca per un paio di minuti e, se è necessario, aggiungi un altro po' di brodo.
Fai riposare il riso per un minuto prima di servirlo.

Note e Varianti:
Perché la malva? Le parti utilizzate di questa pianta sono i fiori e le foglie. La sua utilità è molto ampia, basti pensare che la si può impiegare sia per uso esterno (la troviamo in pomate, creme, shampoo) che per uso interno, (tisane, sciroppi, etc). Molto efficace per le infiammazioni delle vie respiratorie e gastriche, come lassativo e per ostacolare il catarro nel periodo freddo, è stata per millenni la medicina degli antichi per combattere tossi, stitichezza, vaginite, stomatite e gengiviti.
Il suo effetto benefico e anche il fascino di questa piccola ma preziosa pianta ci ha portato a utilizzarla nel menù dell'atleta.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.